Albert Jacquard, il grande genetista e umanista morirono ieri

albert-jacquard

Che sorpresa mi ha regalato leggendo la notizia , solo ora : Albert Jacquard è morto ieri .

Breve biografia :

Il genetista e di sinistra Albert Jacquard morirono Mercoledì 11 settembre nella sua casa di Parigi ( quartiere sesto ) , all’età di 87 anni, secondo il figlio . Il Politecnico , nato 23 Dicembre 1925 , che era quello di onorare l’associazione Diritto alla Casa ( DAL) Presidente , è stato spazzato via da una forma di leucemia , ha detto.

corso

Proveniente da una famiglia della buona società Lyon , Albert Jacquard ricevuto Polytechnique 20 anni dopo nel 1951 e tra Seita ( azienda nazionale che produce tabacco e fiammiferi ) per lavorare sulla creazione di un precoce sistemi informatici . Dopo un breve periodo di lavoro presso il Ministero della Salute Pubblica , ha unito l’Istituto nazionale di studi demografici ( INED ) nel 1962 . Ma si avvicina quaranta e  » rendiamo conto che non siamo eterni e non vogliamo rovinare la sua vita a cose ridicole .  » Albert Jacquard poi è andato a studiare la genetica di popolazione nella prestigiosa Università americana di Stanford , poi ritorna alle INED e ha trascorso due dottorati nel campo della genetica e della biologia umana nel progresso. Oltre alla didattica e il suo esperto per l’Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS) il lavoro , sarà poi cesserà di rimuovere le teorie cosiddette scientifiche razziste e gli argomenti saranno testimoni anche nel 1987 al processo contro Klaus nazista Barbie per crimini contro l’umanità . I suoi primi libri, come « Lodate la differenza : la genetica e l’uomo  » (1978 ) si incontrano un grande successo che non mancherà , anche quando la deriva verso la filosofia , la scienza popolare o umanesimo anti- liberale. Il suo impegno Pr Jacquard antipatie liberalismo e sarà anche candidato al Parlamento di Parigi nel 1986 , sostenuta da vari movimenti della sinistra alternativa , poi nel 1999 la lista lista ambientalista guidato da Daniel Cohn- Bendit ( in posizione 84a ) . Nel 1990, Albert Jacquard metterà la sua verve dei media che serve un altro motivo : l’ inadeguato ospitato e non documentate . Impiego di un drago Street edificio nel 1994 , la Chiesa di San Bernardo nel 1996 … suo volto vecchi fauna greca diventa rapidamente familiare come quello del Abbé Pierre , Gaillot o Emmanuelle Béart , i suoi compagni . Età assistono, presidente onorario della LAD era stato più discreto , pur continuando a sostenere i poveri e spingendo declamazioni , come nella sua rubrica quotidiana su France Culture 2001-2010 .

IN CHIUSURA

E ‘stato un uomo di sinistra , ma non toglie l’uomo che era tutta la sua valeur.C è un uomo nobile che ha combattuto per cause nobili .

Penso che la sua lotta continua anche dopo la sua morte . Inoltre, io continuerò ad ispirarmi con le sue idee .

Quando ascolto i suoi video o quando l’ho letto , mi sento più umana , più aperta e compassionevole verso i miei simili .

Inoltre , in memoria di un grande uomo , Albert Jacquard , ecco un articolo pubblicato 7 ottobre 2009 :
La consapevolezza del pericolo salvare l’umanità

Egli può aver superato i 80 anni , l’ intellettuale francese Albert Jacquard non continui a meno che non indossa il suo appello per una società più giusta e sostenibile , l’unico modo per evitare di niente di meno che la fine dell’avventura umana . Le Devoir ha incontrato mentre stava attraversando Quebec .

Albert Jacquard messaggio è chiaro : o l’umanità fuori dalla corsa per la crescita economica eterna e continua a considerare le risorse del pianeta come infinito , o si troverà di fronte il suo naufragio in un futuro non molto tempo fa .

E la profonda recessione che ha colpito il mondo lo deve servire come un primo passo per pensare a come evitare il peggio .

L’intellettuale francese si rifiuta anche di caratterizzare battute d’arresto globali dell’ultimo anno della « crisi « . « Quello che stiamo attraversando , non è una crisi, è una mutazione . Una crisi , finisce , come tutto il parlare della « crisi « . Ma per me , non c’è crisi in una avventura umana con conseguenze così gravi . Ci sono cambiamenti , vale a dire che ci sono opportunità per sviluppare nuove idee , in particolare nel settore economico .  »

Perché è urgente ripensare il nostro rapporto con ciò che egli chiama la dottrina della  » crescita « , visto come un modo per uscire dalla stasi e andare avanti.  » Se la crescita significa che la crescita dei consumi , è un inganno che non può durare , ha detto durante un incontro con Le Devoir . Coloro che predicano la crescita dei consumi nei paesi in cui i bisogni primari sono già più che soddisfatto , sono più dannosi di diffondere i loro spacciatori.  »

Il modo migliore per sollevare la questione sarebbe la questione della disponibilità delle risorse della Terra , sprecati senza un adeguato sistema di ritenuta , soprattutto a partire dall’inizio dell’era industriale. Questo è il caso , per esempio , gli stock ittici nel mondo che dovrebbero essere esauriti nel giro di pochi decenni , secondo il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente . Eppure miliardi di persone dipendono in gran parte per il loro cibo quotidiano . Cosa fare? « Sappiamo che non ci lascerà la Terra per colonizzare un altro pianeta . La domanda che dovremmo porci , per tutte le risorse è il modo in cui distribuire .  »

Questo non è certamente il caso attualmente .  » Il modo in cui gli economisti spesso trascurano di prendere in considerazione la finitezza della Terra è significativo del comportamento umano verso di lei, Albert Jacquard osserva giustamente nel suo ultimo libro , Il conto alla rovescia è iniziato ? . In molte aree , il livello di guardia è stato superato , in particolare l’uso di risorse non rinnovabili , che è il caso di fonti di energia, gas , carbone e petrolio , per esempio. Il più veloce possibile fermare la distruzione in corso è necessaria al fine di ritardare o addirittura evitare il burnout .  »

Generazioni a venire

La cosa è tanto più essenziale che il Politecnico e genetista 83 anni insiste sul fatto che le ricchezze che hanno avuto milioni di anni per formare appartengono anche « per le generazioni che verranno .  » Mentre l’idea può sembrare un luogo comune , la sua attuazione richiederebbe niente di meno che la creazione di una struttura di  » governance globale « , dice Jacquard . « Non si può immaginare che sei miliardi di persone possono fare a meno di organizzare i poteri e senza stabilire una democrazia globale . O questo non è possibile, allora è finita, o è possibile e dobbiamo provare .  »

Programma ampio , specialmente quando si osserva la complessità talvolta kafkiano di grandi strutture come l’ONU o quando i negoziati sul protocollo di Kyoto .  » Vi è una scelta della società , dice Jacquard . Possiamo ammettere che la vita umana deve essere riassunta nella lotta contro l’altro , il cosiddetto liberalismo ? Oppure, nel corso di una vita, possiamo provare a raggiungere certi ideali « , come il miglioramento della salute di tutti , la conservazione delle risorse e la protezione dell’ambiente ?

E questo creerà una società che è sia  » giusto e sostenibile « , « crescita a tutti i costi  » deviata deve essere radicato nel sistema educativo . « Gli eventi dell’estate 2008 sembrano aver fatto progressi in diverse fasi il conto alla rovescia che porta al disastro economico e nota l’autore nel suo ultimo libro . Fortunatamente, la consapevolezza del pericolo , troppo , è aumentato. Essa ci può aiutare a evitare il peggio . Il risultato dipende dalla chiarezza e il sistema di istruzione .  »

A condizione , naturalmente , non è sfruttato come strumento per la formazione della forza lavoro  » competitivo  » in un « mercato  » della conoscenza . « La scuola è al servizio di coloro che si rivolgono ad essa per la aiuta ad essere se stessi , non al servizio della società. E non è responsabile di fornire pronto umano ha bisogno. « Egli ha anche denunciato la tendenza a introdurre sempre di più il concetto di  » concorrenza  » nel vocabolario della formazione . « Per me , questo è un vero scandalo . L’obiettivo non è quello di dare i mezzi per combattere contro l’altro , ma piuttosto per incontrare gli altri. Pertanto , è necessario un sistema educativo che ignora le classifiche .  »

Nonostante la grandezza del compito che Albert Jacquard vuole vedere l’umanità tackle , rifiuta l’etichetta di « catastrofico  » o  » utopica « . « Anche se sono per certo molto rivoluzionario , queste idee si depositano in nome di una realtà », egli crede . Come prova , le sue conferenze attirato molte persone provenienti da ambienti diversi . « Io non ho una soluzione , è però poco chiaro . Il mio obiettivo non è quello di costruire la società di domani , è di dimostrare che esso non sembra oggi . Perché questo è se il pericolo c’è ? Sì , il rischio c’è ed è un rischio enorme , perché potrebbe essere la fine dell’umanità .  »

…………………………………………………………………………….

CITAZIONI da ricordare:

o il genere umano lontano dalla corsa per la crescita economica eterno o si troverà di fronte il proprio naufragio
è urgente ripensare il nostro rapporto con il dogma della  » crescita  »
« Non si può immaginare che sei miliardi di persone possono fare a meno di organizzare i poteri e senza stabilire una democrazia globale .  »

Riposa in pace  » Big Man  » , la tua lotta continua!

Publicités

Un commentaire sur “Albert Jacquard, il grande genetista e umanista morirono ieri

Laisser un commentaire

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.